Lo yoga è un’attitudine

Lo yoga è un’attitudine ossia uno stile di vita. Chi pratica lo sa bene, non si tratta solo di trasformare il proprio corpo in un insieme armonioso di muscoli sodi e definiti, anzi questa è solo una conseguenza che poco importa a chi pratica con passione.

Imparare a respirare con controllo, ritrovare la consapevolezza del proprio io, cercare di riportare l’equilibrio, queste sono le cose che persegue chi pratica lo yoga.

yoga-albero

Ecco perchè lo yoga non è uno sport o un’attività fisica. Lo yoga è prima di tutto un’impostazione mentale

Le origini dello Iyengar yoga

Questo è l’estratto per il tuo primo articolo.

Iyengar è il cognome dell’ideatore del metodo di Iyengar yoga. B.K.S. Iyengar è lo yogi – tuttora in vita – che, per il fervore e la particolarità del suo insegnamento, si è visto attribuire dai suoi stessi allievi la paternità di uno stile.

Lo Iyengar yoga può essere tranquillamente inserito nella schiera degli yoga che hanno come capostipite l’Hatha yoga. La particolarità dello Iyengar yoga risiede nell’esaltare al massimo la precisione delle posizioni e anche nel tendere verso posizioni estreme. Questo yoga asserisce che attraverso l’ascolto profondo del proprio corpo si può arrivare a intuirne l’intelligenza, quella che egli definisce “la sua espressione psicologica”.

Attraverso la pratica e il raggiungimento del pieno ascolto del corpo è possibile cogliere la differenza di consistenza tra materia e pensiero, accorgendosi che sono fatte della stessa sostanza, solo a diverse “densità”. In questo modo si può allenare corpo, mente e spirito a lavorare insieme come una macchina perfettamente allineata. Il disallineamento del corpo infatti è anche della mente, e allineare il primo significa allineare la seconda.

La diffusione del suo lavoro in occidente si deve alla pubblicazione del suo libro “Light on yoga”, del 1965. In meno di mezzo secolo questo stile è divenuto uno dei più praticati in tutto il mondo.